Home » Comunicati » Alfredo Melidoro, “cittadino attivo” 2016

Alfredo Melidoro, “cittadino attivo” 2016

Si è svolta venerdì 3 marzo la cerimonia di assegnazione del Premio “Cittadino Attivo 2016”, manifestazione organizzata dagli Attivisti 5 stelle Barletta. Lo scopo dell’iniziativa era quello di premiare un cittadino comune, senza legami politici diretti con alcun partito, che nel corso del 2016 si è distinto per il suo impegno civico nei confronti della propria città. A questo scopo era stata invitata la cittadinanza a segnalare nomi di concittadini meritevoli di ricevere tale riconoscimento.

Presenti alla cerimonia molti dei cittadini più suffragati, tra cui: Sabrine Aouni, giovane scrittrice; Ciccio Calabrese e Annarita Distaso volontari protezione animali; Raffaele Dipietro, associazione “Barlett e Avest”; Michele Grimaldi, responsabile Archivio di Stato Barletta; Alfredo Melidoro, videomaker; Alessandra Parente, attivista ambientalista; Nino Vinella, comitato pro-Canne.

Vincitore della prima edizione del Premio Cittadino Attivo: Alfredo Melidoro, per il documentario “Micropalv”, che denuncia in modo semplice e documentato le criticità ambientali della nostra città. “Ringrazio gli organizzatori di questo premio molto stimolante e importante per me”, ha dichiarato Melidoro, “ed anche tutti gli amici che mi hanno aiutato e supportato. La motivazione è la più grande soddisfazione: ‘Per il contributo dato al risveglio delle coscienze sull’inquinamento ambientale della città‘. Colgo l’occasione per invitare a vedere, chi ancora non ne avesse avuto modo, il documentario visualizzabile sul sito www.micropalv.it”.

A tutti sono state assegnate pergamene di riconoscimento per il loro impegno civico, oltre a quattro menzioni speciali:

  • al geologo Raffaele Lopez, sezione Ambiente, per aver donato attraverso la sua energia e la sua professionalità, valore e significato al concetto di consapevolezza e tutela del territorio;
  • a Emanuele Romallo, sezione Cultura, per l’impegno culturale sul territorio, per l’amore incondizionato verso i libri e soprattutto, per aver trasformato la biblioteca comunale Loffredo in un luogo capace di andare ben oltre i suoi confini;
  • all’imprenditore Aldo Musti, sezione Diritti, per la tenacia dimostrata nel perseguire trasparenza e correttezza degli atti amministrativi;
  • a Francesco Calabrese, sezione Volontariato, per l’impegno verso gli animali, per l’umana sensibilità mostrata nei confronti del mondo a quattro zampe e non solo. Perché la civiltà nasce dalla tenerezza.

Barletta e i barlettani spesso si sono caratterizzati per uno scarso amor proprio: “Sent Rggir ament e frastir” recita un notissimo adagio locale. Eventi di questo tipo dimostrano che ci sono molti barlettani, diversissimi tra loro per età, interessi, attività, di cui possiamo andare fieri.

Averli visti tutti insieme nello stesso luogo ha fornito uno spaccato insolito della nostra città che deve darci la speranza, il coraggio e la forza per indurre quel cambiamento da tutti auspicato.

Marisa Romaniello, Savio Chiariello e il gruppo Attivisti 5 Stelle Barletta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*